itinerari

Circuiti

La Valnerina tra Borghi e Castelli - Dalla Valle del Corno alla Valle del Nera. Comuni di Cascia, Monteleone di Spoleto, Poggiodomo; Cerreto di Spoleto
Cerreto di Spoleto

Tipologia: Circuiti
Lunghezza: 50 km
Difficoltà: Auto - Moto - Camper - Bus
Durata: dalle 2 alle 5 ore
Interessi: Itinerari, Storioco-artistico; naturalistico, paesaggistico; ambientale

BENVENUTI IN VALNERINA

 

Una lunga valle di 90 km, che gode dell`ampio abbraccio di decine di altre rasserenanti valli, e delle trasparenti carezze di torrenti vivaci, che scendono sui bei fianchi di verdissime montagne.
Immagine semplicemente mistica e splendidamente terrena della forza della natura che, attraverso le acque del fiume Nera, del Corno, del Vigi, del Tissino e del Campiano ha forgiato tra i boschi un territorio che gli uomini riconoscenti per tanta bellezza hanno voluto chiamare Valnerina in suo onore.
Gli uomini fin dalla più remota preistoria, hanno caparbiamente abitato queste terre diffidenti, ma generose con chi le ama, e hanno partecipato, in stretto accordo con la natura, alla costruzione di un paesaggio frutto della simbiosi ideale fra natura e cultura.
I quindicimila abitanti dei trecento chilometri quadrati della Valnerina, privilegiano la vita in piccole comunità e borghi rurali, orgogliosi di consegnare al presente una terra bella e ricca di storia, dove contano ancora valori autentici e sacri, come l`amicizia e l`ospitalità.
L`itinerario della lunghezza di circa 55 Km può essere percorso in tutti i periodi dell`anno in auto, camper, bus, moto e bicicletta. Il tour parte da Cascia, in epoca medievale castello di pendio realizzato sul Colle di Sant`Agostino, passa per Monteleone di Spoleto, Usigni, Poggiodomo, Roccatamburo, Mucciafora, l`Eremo della Madonna della Stella, Rocchetta e Ponte, raggiunge Borgo Cerreto e Cerreto di Spoleto, ove si conclude.
Il percorso interessa otto borghi rurali, un tempo importanti castelli, testimoni della storia turbolenta e irrequieta della Valnerina in epoca medievale, castelli che nel corso dei secoli si sono trasformati in borghi e paesi ricchi di preziose testimonianze storiche, artistiche e culturali ed ancora pieni di vita. L`impianto e la struttura originaria dei castelli, oltre che nella forma urbanistica che mantengono, sono ancora fortemente leggibili attraverso i torrioni, le monumentali porte di accesso, i resti delle cinte murarie ed i sottopassi che ancora si conservano, come forti sono le impronte ed i segni lasciati dalle epoche successive al medioevo.

A partire dal XV, XVI e XVII secolo questo territorio è entrato nel vivo dell’età moderna che ha coinciso con l`affermazione, su tutta la regione, dello Stato Pontificio il quale ha “pacificato”, con la centralizzazione dell`autorità  e delle funzioni politiche, amministrative e militari, i plurisecolari conflitti esistenti fra i castelli  che hanno potuto conoscere finalmente la pace ed una nuova vita, nonché uno sviluppo economico e sociale molto forte che ha lasciato segni consistenti in tutti i luoghi proposti dall`itinerario.

Non più e non solo torri, cinte murarie, porte di accesso, ma anche nuclei abitati realizzati al di fuori della cinta delle vecchie mura, palazzetti gentilizi di elevata bellezza, frutto di un consistente mutamento socio-economico, espressioni artistiche ed opere di grande intensità realizzate in epoca tardorinascimentale, gran parte delle quali provenienti dalle scuole artistiche e dalle botteghe della Roma dei Papi, piccoli paesi ove la gente ha potuto vivere e lavorare con maggiore serenità rispetto al passato con maggiori possibilità  di spostamento degli abitanti, non solo all`interno del territorio, ma soprattutto verso Roma, in cerca di lavoro e di nuove opportunità di vita.
Da Cerreto di Spoleto, seguendo nel fondovalle la Strada Statale Valnerina, ad est, si va in direzione di Cascia e Norcia, ad ovest per Vallo di Nera, Sant`Anatolia di Narco, Scheggino e le Cascate delle Marmore, prima della quale si incontrano, in provincia di Terni, l`Abbazia di San Pietro in Valle, i borghi di Ferentillo, Montefranco e Arrone.
 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:

L’itinerario può essere percorso senza difficoltà in tutti i periodi dell’anno in auto, camper, bus, moto e bicicletta. Per maggiori dettagli e per tutte le informazioni aggiornate relative all’ospitalità, al trekking, al tempo libero, ai prodotti locali, alla gastronomia, agli altri itinerari, agli eventi, alle manifestazioni culturali e all’arte, si raccomanda di consultare, per i Comuni della Provincia di Perugia (Cascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Vallo di Nera), il nostro sito www.lavalnerina.it, oppure di contattare il Servizio Turistico della Valnerina, con sede in Cascia, all’indirizzo email info@lavalnerina.it o ai seguenti numeri di telefono 0743/71401 - 0743/71147.
Per i Comuni di Ferentillo, Arrone e Montefranco, in Provincia di Terni, si raccomandano i seguenti contatti: IAT Terni, www.marmore.it, email info@iat.terni.it, telefono 0744/423047.


    PHOTOGALLERY >>>>>> Poggiodomo. Una tavolozza di colori; i prodotti della TerraBorghi e Castelli della Valnerina;Paesaggi Umani della Valnerina; Paesaggi a Quattro Zampe; L`altipiano di Chiavano; La Piana di Santa Scolastica; Valnerina Quota 800; Primavera in Valnerina; Le quattro stagioni in Valnerina; Il Paesaggio della Valnerina: da lontano e dall`alto e molto ALTRO

 

VIDEOGALLERY >>>>>> La Valnerina: un viaggio in moto nell`Umbria che cercavi; Alla scoperta della Valnerina: dalla Valle del Corno alla Valle del Nera; Alla scoperta della Valnerina: Lungo la Valle del Corno; Valnerina: paesaggi a quattro zampe; Valnerina: Emozioni tutto l`anno e molto ALTRO

PASSEGGIATE E PROPOSTE DI TREKKING >>>>>> Comune di Cascia; Comune di Monteleone di Spoleto; Comune di Poggiodomo; Cerreto di Spoleto

 

 

 

INDIETRO